Gole del Raganello

La Riserva naturale Gole del Raganello è un’area naturale protetta istituita nel 1987 in Calabria, nella provincia di Cosenza. Occupa una superficie di 1.600 ettari all’interno del Parco nazionale del Pollino. Wikipedia

Gole alte del Raganello

Le  Gole di Barile o meglio conosciute le Gole alte del Raganello si dipartono dalla Sorgente della Lamia fino a raggiungere la cosiddetta Scala di Barile, nei pressi dell’abitato di San Lorenzo Bellizzi, in un percorso di circa 9 km. La conformazione del torrente è molto accidentata, ma di grande interesse naturalistico ed escursionistico. Il canyon è costituito da due imponenti pareti rocciose: la Timpa di Porace-Cassano e la Timpa di San Lorenzo (1652 m).

Le gole sovrastano il torrente per un’altezza di circa 600-700 metri. Il percorso è costituito da rocce multicolori, levigate per secoli dalle acque che scorrono lungo questo corso. Gli escursionisti possono percorrere il canyon, con l’ausilio di semplici dispositivi di autoassicurazione (caschi rigidi, corde, moschettoni), riuscendo a contemplare scenari di ispirazione dantesca: il Grande Diedro, il Masso delle Rudiste, la Sorgente degli Equiseti, l’Anfiteatro del Diavolo.

Le Gole basse del Raganello

Le Gole basse del Raganello si dipartono dalla zona Pietraponte, dove si erge il Ponte omonimo, un singolare macigno incastonato tra le pareti, fino a raggiungere la zona sottostante lo spettacolare Ponte del Diavolo, nei pressi di Civita, in un percorso di circa 8 km. Gli accorgimenti per gli escursionisti e per chiunque abbia il piacere di contemplare questi incantevoli paradisi del torrentismo sono i medesimi. Il percorso è simile per conformazione a quello superiore, ma più difficoltoso da percorrere, data la maggiore quantità d’acqua del bacino e la presenza di punti maggiormente scoscesi e accidentati: la Forra d’Ilice, la Conca degli Oleandri, la Tetra Fenditura, la Frana Ciclopica.

Contatto telefonico e indirizzi utili
Indirizzo: Torrente Raganello, Provincia di, Cosenza CS
Provincia: Provincia di Cosenza
Telefono: 328 912 7581

continua a leggere su Wikipedia

IL CANYONING NELLE GOLE DEL RAGANELLO

Il torrente Raganello taglia il massiccio roccioso nella parte orientale del Pollino creando un canyon lungo 12 km e profondo fino a 400 metri. Scroscianti cascate, vasche d’acqua cristallina e scivoli naturali si susseguono nel letto del torrente, che durante le stagioni calde viene percorso a piedi. Questo trekking acquatico è una delle attività più divertenti che si possano praticare in montagna. Per rendere l’esperienza unica ed indimenticabile, ma soprattutto sicura, i nostri accompagnatori forniscono tutta l’attrezzatura necessaria, tra cui gli indispensabili caschetti di protezione omologati.

Continua a leggere sul sito consigliato

Escursioni a Cosenza Calabria

Guarda il video delle Gole del Raganello

Tra scroscianti cascate, scivoli naturali e pozze d’acqua cristallina in cui tuffarsi, puoi vivere anche tu un’esperienza unica nel Parco Nazionale del Pollino. Le nostre Guide Ufficiali ti accompagneranno alla scopera del canyon più bello del sud Italia. 

Sono 3 gli itinerari percorribili, divisi in base alla loro collocazione geografica.

Gole Basse

Rappresentano il tratto più basso (a valle) del Raganello e partono dal Ponte del Diavolo a Civita. Sono le più brevi ma anche le più acquatiche. Qui le pareti di roccia sfoggiano la loro imponenza, arrivando in alcuni punti a distare tra loro poco più di due metri, sviluppandosi in verticale per oltre 400 metri di altezza. All’ingresso del canyon si passa sotto gli spruzzi d’acqua della “Doccia del Diavolo” e, proseguendo la risalita, si superano due vasca d’acqua nuotando contro corrente. Ma niente paura, le nostre guide saranno insieme a voi per aiutarvi. Formazioni carsiche e di travertino rievocano scenari ipogei.
Durata: 2 ore e 1/2.
Difficoltà: facile-media

Gole Alte 

Note anche come Gole di Barile, rappresentanto il tratto più alto (e cioè a monte) del canyon. Sono le più belle, le più selvagge, nel cuore del Parco. Partono da San Lorenzo Bellizzi nei pressi della Scala di Barile, dove la Timpa di Cassano e la Timpa di San Lorenzo si incontrano dando luogo ad una profonda spaccatura: il canyon del Raganello. Si risale il torrente superando cascate, tunnel nella roccia, scivoli naturali e toboga. Durante il percorso, nei pressi di una sorgente naturale, sono ben visibili i fossili delle rudiste, molluschi bivalvi estinti milioni di anni fa. Il finale è a sorpresa, con la prova dell’acqua a cui si sottopongono solo i più impavidi.
Durata: 3 ore 1/2.
Difficoltà: facile-media.

Scopri gli itinerari e le offerte su questo sito e vedi il video su youtube

Gole del Raganello (Agosto) – Risalita del torrente da Civita (Ponte del Diavolo)

articolo scitto nell’agosto 2018 il video è aggiornato ad agosto 2018

Monaco Design

Monaco Design realizzazione Siti Web SEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *